Global competitiveness measurement for the tourism sector

Autori:
Hong W.C.
Pubblicazione:
Current Issues in Tourism
Anno:
2009
Mese:
Marzo
Paese:
Regno Unito
Città:
Londra
Numero:
12(2)
Pagina:
105-132
Editore:
Routledge
Tipo di letteratura:
Letteratura Scientifica
Parole chiave:
Commercio internazionale, Competitività, Indicatori, Paesi in via di sviluppo, Sviluppo

Abstract

Molti studiosi pensano che il turismo internazionale possa essere il veicolo principale per far decollare lo sviluppo economico di molti paesi in via di industrializzazione nel ventunesimo secolo. Per questa ragione, le economie dei paesi emergenti con una forte caratterizzazione turistica devono sviluppare i propri vantaggi comparativi e farne dei veri e propri vantaggi competitivi. Il reale motore dello sviluppo, argomenta l’autore di questo articolo è la competitività dell’offerta turistica. Ma, a differenza di altri settori, e a ragione della complessità del prodotto turistico, il concetto di competitività turistica è di difficile definizione, mentre è ancora più difficile ottenerne misurazioni utilizzabili in confronti tra paesi. L’obiettivo che si pone l’autore è quindi quello di costruire un indicatore sintetico di competitività del turismo a livello di paese o regione. Per arrivarvi, identifica per prima cosa le dimensioni essenziali della competitività: vantaggi competitivi esogeni (attrattive naturali o storico / culturali); vantaggi competitivi endogeni; gestione del turismo e livello di formazione ed istruzione degli operatori e dei manager turistici; condizioni ecologiche e ambientali sia locali che globali. Per ciascuna di queste dimensioni vengono proposti vari indicatori, quindi gli indicatori vengono aggregati in modo gerarchico e sintetizzati dando a ciascuno un peso diverso utilizzando un metodo, detto AHP ("analytic hierarchy process"), basato essenzialmente sull’analisi delle opinioni di osservatori privilegiati. Il metodo proposto è illustrato con una applicazione concreta.

AVVERTENZA

Questa banca dati non contiene i testi delle pubblicazioni bensì i riferimenti bibliografici e le informazioni utili al loro reperimento e all'individuazione dei contenuti. Le opere catalogate sono di norma reperibili presso biblioteche specializzate e centri di documentazione; in caso contrario sarà opportuno rivolgersi direttamente all'editore o all'istituto di ricerca o all'ente promotore.