A climate change vulnerability assessment methodology for coastal tourism

Autori:
Moreno A., Becken S.
Pubblicazione:
Journal of Sustainable Tourism
Anno:
2009
Mese:
Luglio
Paese:
Regno Unito
Città:
Londra
Numero:
17(4)
Pagina:
473-485
Editore:
Routledge
Tipologia di ricerca:
Mare
Segmento di mercato:
Turismo marino
Tipo di letteratura:
Letteratura Scientifica
Parole chiave:
Ambiente, Governo del turismo, Indicatori, Mare, Rischi

Abstract

Gli ambienti costieri e marini costituiscono le aree di maggiore attrazione per i turisti; tuttavia essi sono anche ecosistemi fragili e particolarmente minacciati dagli effetti dei cambiamenti climatici, quali la maggior frequenza di eventi metereologici estremi, l’erosione, l’innalzamento del livello dei mari. I responsabili della gestione delle destinazioni costiere devono quindi acquisire una sempre maggiore consapevolezza della vulnerabilità ambientale di spiagge e ambienti marini, anche al fine di elaborare strategie di adattamento ad eventuali situazioni future. Questo lavoro propone una scala di valutazione della vulnerabilità ambientale per le aree costiere. La costruzione della scala si articola in cinque passi: analisi complessiva del sistema; identificazione delle attività o dei sottosistemi particolarmente a rischio; misurazione della vulnerabilità di ciascuno dei sottosistemi a rischio; integrazione della misura di vulnerabilità al livello dell’intera destinazione e analisi dei possibili scenari avversi; comunicazione delle valutazioni all’esterno. La scala introdotta viene messa alla prova, applicandola alla valutazione della vulnerabilità di alcuni ecosistemi costieri delle isole Fiji, nell’Oceano Pacifico. Benchè questa applicazione faccia riferimento ad un’area geograficamente remota, la rilevanza globale del problema dei cambiamenti climatici, rende la lettura interessante anche per il lettore italiano. La conclusioni a cui giungono gli autori è che, una scala del tipo proposto permetterebbe una valutazione della vulnerabilità comparabile tra destinazioni, aspetto che permetterebbe da un lato lo sviluppo di una maggiore consapevolezza, dall’altro la possibilità di concentrare le risorse necessarie per gli interventi preventivi dove questi sono più necessari.

AVVERTENZA

Questa banca dati non contiene i testi delle pubblicazioni bensì i riferimenti bibliografici e le informazioni utili al loro reperimento e all'individuazione dei contenuti. Le opere catalogate sono di norma reperibili presso biblioteche specializzate e centri di documentazione; in caso contrario sarà opportuno rivolgersi direttamente all'editore o all'istituto di ricerca o all'ente promotore.