Dettaglio procedimento

Elenco regionale degli operatori agrituristici

Gli imprenditori agricoli che intendono svolgere attività agrituristica presentano domanda di abilitazione. L'istruttoria comprende la verifica dei requisiti formativi nonché dell’esistenza del rapporto di connessione essenziale tra attività agricola ed agrituristica. Il procedimento si conclude con il rilascio dell’abilitazione e l’iscrizione nell'elenco degli operatori agrituristici. L’iscrizione può essere revocata se il comune al quale viene presentata la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) vieta la prosecuzione dell’attività.


Dati identificativi del procedimento

Ente
Giunta Regionale
Materia
Agricoltura
Tipologia del procedimento
Abilitazione
Normativa di riferimento

Fase di avvio del procedimento

Avvio del procedimento
Procedimento ad istanza di parte
Iscrizione in albo o pubblico registro
No
Destinatari
Imprese
Documenti e modulistica sul procedimento
Vai al sito
Struttura responsabile dell'istruttoria del procedimento
Servizio territoriale agricoltura, caccia e pesca di ferrara (cessata il 31/03/2022)
Altre amministrazioni coinvolte
Comuni

Fase decisoria

Responsabile dell'adozione del provvedimento finale
Armuzzi Renzo
telefono: 051 5274479
email: Renzo.Armuzzi@Regione.Emilia-Romagna.it
Direzione generale agricoltura, caccia e pesca
Termine di conclusione del procedimento
45 gg
Potere sostitutivo
Mazzotti Valtiero (direttore generale)
telefono: 051 5274391
fax: 051 5274659
email: Valtiero.Mazzotti@regione.emilia-romagna.it
Direzione generale agricoltura, caccia e pesca

È possibile rivolgersi al soggetto sopra indicato nel caso in cui il provvedimento finale non sia stato adottato nei termini previsti dalla legge, comprensivi delle eventuali sospensioni comunicate formalmente dal Responsabile del procedimento. Il soggetto indicato provvederà ad adottare, o a far adottare, il provvedimento entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto

Strumenti di tutela dell'interessato
Ricorso al Tribunale Amministrativo regionale nel termine di 60 giorni o in alternativa ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine di 120 giorni, entrambi decorrenti dalla data di notifica o di comunicazione del provvedimento finale o dalla piena conoscenza dell’atto.